Ristorante la Torre di Gargonza

Malfatti di ricotta e spinaci con fonduta di formaggio e tartufo nero

ricetta dei malfatti o gnudi toscani

Ingredienti per i Malfatti
500 gr. di spinaci
500 gr. di ricotta di pecora
50 gr. di farina
4 uova
noce moscata
Parmigiano
Tartufo nero
Ingredienti per gli gnudi
Besciamella
Farina 4 cucchiai da minestra colmi
Burro
Latte
Pecorino

Il “malfatto” non è altro che il ripieno di una pasta come il tortello oppure il raviolo. Si chiamano anche “gnudi” perché appunto non hanno il loro vestito, costituito dalla pasta. La difficoltà della preparazione sta nel trovare il giusto mix tra spinaci, ricotta e uova con la farina. Infatti un impasto con poca farina vi farà scomporre le palline immerse nell’acqua mentre con molta farina renderà l’impasto gommoso al tatto e non esalterà il sapore degli spinaci o la delicatezza ed il sapore della ricotta.

Preparazione
Gnudi
Lessate gli spinaci con poca acqua, strizzateli e tagliate fini con il minipimer, amalgamate insieme la ricotta con le uova intere, sale e pepe q.b. e 6/7 giri di noce moscata, parmigiano ed ottenete una pasta abbastanza densa, unite la farina e amalgamate bene con le mani. Formate delle palline grandi come una noce ed infarinatele una ad una

Besciamella
In una casseruola mettete la farina e sciogliete il burro a fuoco basso. Aggiungete il burro fino a formare una crema di color nocciola. Tirate su la crema di farina e burro con il latte fino a creare una crema non troppo liquida. Unite sale e pepe e formaggio pecorino che dovrà fondersi con la besciamella.

Immergete i malfatti in una pentola di acqua salata a piena ebollizione, scolate appena vengono a galla. Saltate i malfatti con la besciamella e unite il tartufo.

Questo piatto è ottimo con un vino rosso Montepulciano DOC